lunedì 23 agosto 2010

La bonaccia di agosto

Per alcune cose ci vuole semplicemente il tempo che ci vuole.
Come uscire con il windsurf in un pomeriggio di poco vento, guadagnare il largo e quando si vuole tornare a riva accorgersi che non c'è un filo di vento.
Ci si può tuffare e trainare tavola e vela a nuoto, oppure sedersi in mezzo al nulla, incrociare le gambe e aspettare un refolo che gonfi la vela e ti faccia tornare a casa almeno per ora di cena.

Perché ci vuole anche ostinazione e testa dura ad uscire con la vela quando il vento va calando, ma la voglia di buttarsi e solcare le onde è molto più forte della pazienza necessaria ad armare la vela e della fatica per sbracciare come un ossesso nel gonfiarla.

Alla fine però una brezza utile arriva sempre, alcune volte si tratta soltanto di buttarsi con incoscienza, armati solo della propria passione, e anche se non sei il più abile manovratore che esista e non riesci a guidare la tavola proprio dove saresti voluto arrivare non fa nulla.
Il vento, come la fotuna, gira, salta e rimbalza, ma alla fine da te arriva, ne sono sempre più convinto.

Song of the day: A Toys Orchestra - What you said

Marcello


Share/Save/Bookmark

3 commenti:

Lola Bi ha detto...

mmmmmmh... quindi questo è il tuo pensiero sul tema che m'affligge, ossia se nella vita sia più giusto farsi trasportare dal vento o remare ossessivamente verso la "propria" direzione. ti riveli un sostenitore della prima.
e mi sa che c'hai ragione.

o forse è che la seconda è troppo maledettamente faticosa.

Ataru ha detto...

Ho visto della coincidenza di riflessioni marinaie :)

Diciamo che la storia della tavola al largo e senza vento è autobiografica di qualche giorno fa e visto che le meduse sono bestie poco socievoli ho iniziato a cazzeggiare con la mente.

Contromano o controvento si fa fatica e non sempre si arriva, ma sopratutto non è detto che questa ostinazione ti sia utile.
A "fissarsi" si rischia solo di incollarsi e perdersi quello che ti passa tanto vicino da sfiorarti.
Un poco di testardaggine si, e sopratutto tanto coraggio e incoscienza!

Lola Bi ha detto...

...e del resto c'era sempre quel tale che diceva che la felicità se l'insegui non riesci mai a prenderla e se invece ti metti tranquillo...

va da sè. aggiudicato.