mercoledì 9 gennaio 2013

CIAO!!!

L'1 febbraio sono due anni dall'ultimo post e tra 2 giorni questo blog non sarà più visibile.
Vorrei tanto raccontare cosa è successo intorno a me da quel 1 febbraio, ma non saprei da dove cominciare; troppe cose per essere riassunte, alcune belle ed altre bruttissime.
Probabilmente questo post non lo leggerà nessuno, ma prima di chiudere del tutto volevo lasciare due righe.
L'umore oggi non è dei migliori, ma incrociamo le dita till the morning comes

Marcello

Share/Save/Bookmark

martedì 1 febbraio 2011

Le parole sono di chi gli serve


Vi è mai capitato di non aver voglia di esprimervi?
Non di non aver voglia di parlare: di esprimervi proprio.
Di manifestare sentimenti, gusti, attitudini, modi di vedere la vita.
No, eh? Be', io è così che mi sento, da quando sono uscito da quel supermercato*

Intendiamoci, non sono depresso. Non mi chiudo in casa, non cammino per ore a vanvera (che poi è lo stesso), non guido senza meta, non rovino le cene di chi m'invita**, dormo abbastanza regolarmente, non mi drogo, fumo*** e bevo con moderazione.

E non è nemmeno che non trovi interessante quello che avrei da dire. È proprio che non mi va di fare la fatica di cercare una forma per rendere il mio pensiero condivisibile.
Arrivare agli altri mi costa, ecco.


Diego De Silva


*A me non è un supermercato

** Di questo forse dovrei chiedere conferma

***Ehm...licenza letteraria

Insomma, tutto bene per davvero, anzi molto bene per certi versi e l'unica cosa che manca è un pizzico di ordine.
C'è molto poco da aggiungere, semplicemente non riesco a trovare il tempo e la voglia di occuparmi di questo blog e preferisco lasciarmi trascinare dall'inerzia.
E per uno che tutti definiscono logorroico fino allo sfinimento forse è pure un bene.

Marcello

Song of the day: Gotan Project - Santa Maria





Share/Save/Bookmark

lunedì 27 dicembre 2010

Sai che c'è?

A Peter Parker c'è voluto il morso di un ragnetto per farlo brillare agli occhi dei compagni di scuola e trasformare la sua imbranataggine in dolcezza e la sua secchionaggine in bravura.
Io non sono stato morso da nessun ragnetto, ma tutti dicono che mi trovano meglio e a parte la panza crescente, meglio mi ci sento pure io.

Da quando ho messo piede su internet mi sono chiamato Ataru, a volte con un numerino davanti altre volte senza. All'inizio quasi per gioco, poi è diventata un'identità alla quale mi sono affezionato, ma che col tempo ha lasciato spazio al mio vero nome. Qualcuno ci potrà leggere analisi sui social media o altro, io semplicemente mi accorgo di essere cresciuto.
Ora sto perfino pensando di chiudere questo blog. Non nego che mi dispiaccia, ma sento di aver perso il senso di questo spazio o forse è un passaggio prima di aprirne un altro da qualche altra parte.

Non è mancanza di cose da dire, sono logorroico di natura, ma è la voglia di esorcizzarle scrivendo ad essere assente.
In attesa di sciogliere la riserva, lascio questo piccolo luogo aperto alla memoria e per il futuro chissà. Forse vorrà dire che se le porte saranno chiuse si busserà più forte.

Song of the day: Monopolio di stato - Sai che c'è

Marcello



Share/Save/Bookmark


domenica 5 dicembre 2010

La medaglietta dei Giochi della Gioventù

Mi hanno sempre detto che si vive nei ricordi e nelle memorie di chi ci è stato vicino.
Io però non ho mai saputo se crederci davvero o se prenderla come una magra consolazione, tipo la medaglietta dei giochi della gioventù che ti davano come ricordo giusto perché si deve a tutti qualcosa.
Poi capitano incontri casuali, di persone che mai hai visto o che se è successo risale ad un tempo di cui hai pochi ricordi.
E basta un nome per far affiorare in questi sconosciuti ricordi che non ti appartengono direttamente, ma di cui sei in qualche modo depositario.

È strano, ma per una volta quella magra consolazione mi sembra più concreta ed è successo più volte in pochi giorni; non sarà mai sufficiente, ma un poco aiuta.

Song of the day: Perturbazione - Del nostro tempo rubato

Marcello

Share/Save/Bookmark

lunedì 15 novembre 2010

La brezza d'autunno

"E adesso so che bisogna alzare le vele e prendere i venti del destino, dovunque spingano la barca."
Edgar Lee Masters - George Gray


Ma che bel vento che si è alzato :)

Song of the day: Niccolò Fabi - Costruire

Marcello



Share/Save/Bookmark